Il menù del pellegrino

Chi è già partito almeno una volta sa che non dovrà preoccuparsene, ma chi non è ancora partito cosa dovrà aspettarsi dal menù del pellegrino? E più in generale, come ci si nutrirà nel corso della giornata?

Tranquilli, non sarà necessario avere la tentazione di portare con se l’intera batteria da cucina! Il menù del pellegrino riuscirà a soddisfarvi in pieno!

Il menù del pellegrino nasce dall’esigenza di tutti i pellegrini di “controllare i costi”, in particolare sui cammini più lunghi. Generalmente in tutte le località troverete uno o più posti dove con 9 o 10 euro circa (a volte anche meno, a volte poco di più) mangerete in maniera più che soddisfacente, anzi possiamo dire che rimettono in sesto il pellegrino anche dopo aver affrontato le tappe più dure.

Ogni locale offre un menù che tipicamente comprende:

  • Caldo Gallego o zuppa di legumi (spesso con chorizo) o zuppa con la trippa
  • Tortilla (frittata) con patate oppure carne
  • Contorno (insalatone o patate)
  • Bevande

Questo più o meno la composizione base. Molti ormai offrono comunque un menù più tradizionale ad un prezzo “da pellegrino” ma quel che è certo è che non resterete a digiuno. Un esempio classico, una volta giunti a Santiago, è il menù di Casa Manolo dove con 10€ … beh, date voi un’occhiata!

Ovviamente di norma non potete certo aspettarvi il “pulpo” o altre prelibatezze della cucina spagnola che fanno parte dei menù “a la carte” (delle quali parleremo in un prossimo articolo), ma non resterete di certo delusi.

Una menzione di merito va sicuramente al caldo gallego, una zuppa a base di legumi, verdure e carne che prevede una lunga preparazione ma che diventerà per il pellegrino un concentrato di energia che lo rimetterà in sesto dopo qualunque tappa sia passata sotto le sue scarpe.

Lungo la tappa, invece, di norma il pasto sarà costituito da un bocadillo (generalmente economico ma di dimensioni “generose”) senza farci mancare frutta fresca (per idratarsi) e frutta secca (energetica) ed acqua, tanta acqua che, fra l’altro, aiuterà a prevenire fastidi muscolari.

La Spagna gastronomica comunque non è solo questo ma tante altre specialità … ma di questo parleremo in un prossimo articolo …

Seguiteci su:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *