Due cuori verso Santiago

Via della Plata

La Via della Plata collega Siviglia con Astorga per poi procedere lungo il Cammino Francese. In alternativa, da Granja de Moreruela, si può procedere lungo il Cammino Sanabrese. In totale 1000 Km duri, particolarmente nel periodo estivo, che attraversano Andalusia, Estremadura, Castilla y Leòn, Sanabria e Galizia.

Poco meno del 3% dei pellegrini percorre questo lungo cammino che regala momenti di totale solitudine.

Il nome non ha nulla a che vedere con il termine spagnolo “plata” (argento) ma si ritiene derivi più dalla storpiatura del latino “strata lapidata” o dal termine arabo “balath” che indicano in entrambi i casi “strada in pietra”.

Via della Plata con eventuale deviazione lungo il Cammino Sanabrese

Per quanti dovessero ritenere 1000 Km non sufficienti, è possibile partire da Cadice per raggiungere Siviglia, aggiungendo così circa 170 Km al già lungo cammino.

Siviglia è facilmente raggiungibile con le più conosciute compagnie aeree.

Quando partire

Poiché si attraversano 5 zone, ed a causa della lunghezza del percorso, si possono incontrare un po’ tutte le condizioni climatiche.

L’Andalusia e l’Estremadura nel periodo più freddo sono caratterizzati da piogge anche intense, mentre nel periodo più caldo possono vedere temperature anche di 40°, motivo per il quale deve essere attentamente valutata la percorrenza durante il periodo estivo.

In Castilla il tempo è più mite sia nel periodo freddo che in quello caldo, mentre la Galizia, regione più piovosa in assoluto, sarà sempre la più imprevedibile.

Tappe indicative

Dare una suddivisione rigida delle tappe su un percorso così lungo è sicuramente complicato, anche perché il percorso deve necessariamente essere adattato dinamicamente in funzione del proprio passo e delle condizioni meteo che si possono incontrare. La suddivisione che segue è quindi esemplificativa e si suggerisce comunque una pianificazione personalizzata.

Exit mobile version